De Kunstlinie, interior complexity VS exterior understatement

a37456b90c49897181b6a0f85b60ba5b.jpg

 

Firmato dal duo nipponico SANAA (Kazuyo Sejima + Ryue Nishizawa) e posizionato sulla riva (se non sopra) il lago “Weerwater”, che affianca il centro della città di Almere nei Paesi Bassi, il Teatro rappresenta una delle concretizzazioni (funzionanti) del Masterplan di Rem Koolhaas a poco più di un lustro dalla sua approvazione. Contiene due ampi teatri, uffici e molti altri spazi polifunzionali ricreativi ed amministrativi. 

“Even the small spaces need to have their own comfort. The big theater is of course important, but the piano studio is just as important to the person who comes for a piano lesson.” Tutti gli spazi, articolati in una composizione compatta come spesso accade nelle opere dello studio, si compenetrano tra loro, evitando gli ambienti di distribuzione. Tale impostazione, come spesso afferma la stessa Kazuyo Sejima, “allows people to choose their own experience and enjoy the other functions of the building.”

Esterno caratterizzato dalla massima sintesi formale, con elementari, solidi volumi in calcestruzzo diaframmati da ben definite superfici vetrate, con predilezione per le vedute verso il lago.

 

MIMOA

De Kunstlinie, interior complexity VS exterior understatementultima modifica: 2007-10-27T16:53:35+02:00da spacelab.1
Reposta per primo quest’articolo