Auto che scompaiono: The Ghost of The Ghost Parking Lot

Ghost Parking Lot 01.jpg

Ghost Parking Lot, Hamden, Connecticut. Vista lungo la Dixwell Avenue, 1978

Nel 1978, in un anonimo parcheggio presso lo shopping center “Hamden Plaza” ad Hamden (Connecticut), venne realizzata un’opera affascinante e unica nel suo genere: il Ghost Parking Lot, ad opera dei SITE di James Wines. Si tratta di un esempio di opera d’arte “site-specific” (integrata nel luogo in cui si trova e non isolabile dal suo ambiente), che ha una particolare forza espressiva proprio nel suo essere inserita in un contesto urbano generico, banale ed anonimo: venti automobili – selezionate presso autodemolitori della zona tra modelli degli anni ’60 e dei primi ’70 – sono inglobate nel manto di asfalto a profondità differenti, dalla massima esposizione fino all’affioramento di poca parte del padiglione. Le “auto fantasma” occupano in modo apparentemente casuale altrettante piazzole di parcheggio: l’asfalto asseconda la forma dei veicoli, permettendo all’osservatore di individuare facilmente le diverse marche e modelli. L’aspetto è quello di un parcheggio che sta via via  facendo scomparire, o meglio assimilando delle auto a caso tra quelle effettivamente in sosta.

Auto che scompaiono: The Ghost of The Ghost Parking Lotultima modifica: 2010-08-23T12:50:00+00:00da spacelab.1
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Auto che scompaiono: The Ghost of The Ghost Parking Lot

Lascia un commento