A proposito di dildos vetrati-2: la Torre Agbar di Barcelona

b2ebbf8fba3bed4547c348b24c1c6ad1.jpg

Altro illustre esempio di quanto già detto in nostro precedente post: l’ennesimo, ipertrofico Lingam a dimensione urbana, stavolta a Barcelona, in Plaça de les Glories Catalanes: la Torre Agbar, che deve il suo nome al gruppo che controlla la gestione delle acque potabili nella Catalogna.

Il mai troppo compianto Ernesto Nathan Rogers coniò il famoso motto “dal cucchiaio alla città“, che sintetizza in una frase l’orizzonte creativo – alle varie scale – del Progettista. Nei casi in esame, i confini tra architettura, design ed ergonomia si fanno assai più labili, col risultato di edifici-oggetti ottenuti quasi “naturalmente” da un gesto spontaneo, uno scketch sinuoso a matita grassa – magari su un suggestivo tovagliolo spiegazzato al ristorante,

Ne risultano oggetti architettonici dai risvolti psicanalitici oscuri, che proiettano l’ego dell’architetto nella creazione di “imbarazzanti” (dal punto di vista compositivo) fuoriscala, e che impegnano lo staff che sta dietro tali menti “creative” in estenuanti inserimenti di contenuti a posteriori.

Senza poi approfondire il tema – interessantissimo quanto ignoto ai più – del gigantismo applicato su tipi formali appartenenti a scale più minute, il cosiddetto Principio di Similitudine secondo cui ingrandire le dimensioni di un oggetto non è poi così lineare come potrebbe sembrare.

E’ un mio giudizio personale, ma quale forma più basic per questa nuova creatura di Jean Nouvel, che lui dice essere ispirata dalla sagoma del Montserrat e da “geyser of water rising in the air”? Talmente banale da necessitare di un pirotecnico gioco di LED RGB a smaterializzare una sagoma tanto invasiva quanto goffa. Se riuscissimo a fare lo switch sul tasto “OFF”, spente le luminarie dell’immane “LAVA-lamp” e cessata la “vibrazione” cromatica della facciata, resta solo la banalità della dimensione. 

Ma si sa – mai come in questi casi – le dimensioni contano. 


3864d03128e73d006f918e5384ab16e3.jpg

[Foto: la Torre Agbar “ON” (in alto) e “OFF” – via Flickr

A proposito di dildos vetrati-2: la Torre Agbar di Barcelonaultima modifica: 2007-12-18T20:25:00+00:00da spacelab.1
Reposta per primo quest’articolo